Commercializzare integratori alimentari per bovini

Come il servizio tecnico Cima controlla i partner produttori di integratori alimentari per bovini

16 Ottobre 2017
Commercializzare integratori alimentari per bovini
Cima commercializza integratori alimentari per bovini da circa venticinque anni.
La buona notizia: tra le ricette reperibili nel catalogo integratori Cima ci sono decine di formule, di diversi livelli di inclusione. Nuclei ristretti, integratori minerali, mangimi complementari, vitaminici, enzimi e fermenti. Una potente famiglia molto allargata, insomma, in grado di affrontare le più svariate casistiche di allevamento.
La notizia strana: Cima non possiede nemmeno una betoniera, un miscelatore, un mulino a martelli, attrezzature utili a produrre miscele di farine, prodotti liquidi, prodotti biologici.
Quindi? Come fa un’azienda così affermata a disporre di un così ampio elenco di integratori alimentari per bovini?
Semplice. Fa ciò che altre aziende del settore mettono in atto: la produzione, con indicazioni proprietarie, presso impianti che lavorano conto terzi, ma con una marcia in più.
Applicando metodologie di controllo sofisticate e ben collaudate, l’azienda è in grado di monitorare le produzioni di integratori alimentari per bovini effettuate da aziende certificate, pur non possedendo una propria certificazione di qualità.
Questo consente a Cima di utilizzare gli stessi metodi di un’azienda certificata Iso mantenendo la flessibilità e la rapidità di esecuzione commerciale di chi è libero da procedure codificate complesse. Questa semplicità, unita al collegamento costante con i clienti sul territorio, consente ad esempio di realizzare integratori alimentari per bovini personalizzati con una tempestività di intervento diversamente impossibile.